Libri molto rari: 1a parte
Per cercare qualsiasi parola all'interno di questa pagina, premere CTRL+F e quindi inserire il nome desiderato nella finestrella che appare in alto a destra sullo schermo, oppure in basso a sinistra.

 

Il simbolo ► indica titoli di
recente inseriti nell'elenco.

 

►NELLA CASA DEL PIANISTA di Jan Brokken - cm.10x20 - IN ITALIANO - 430 pagine - Iperborea - Milano, 2011 - La storia della tormentata vita e Il pianista Youri Egorovbrevissima carriera artistica del russo Youri Egorov (1954-1988) raccontata da un famoso scrittore olandese nonché stretto amico del pianista. Di origini armene, Egorov era nato nel 1954 a Kazan, sul Volga, ed aveva studiato al conservatorio di Mosca sotto la guida del grande Jakov Zak che proveniva dalla scuola di Heinrich Neuhaus - Emerse alle cronache musicali fin da giovane per le sue notevoli affermazioni ad importanti concorsi pianistici internazionali come il "Ciaikovski" di Mosca, il "Regina Elisabetta" di Bruxelles ed il "Van Cliburn" del Texas - Il suo nome salì poi alla ribalta dei mass media mondiali nel 1974 quando, trovandosi in tournée in Italia e sentendosi preseguitato in URSS in quanto omosessuale, chiese ed ottenne asilo politico a Roma. Trasferitosi subito nella trasgressiva Amsterdam e divenuto cittadino olandese, Egorov si rese protagonista di una strepitosa carriera internazionale conclusasi in modo drammatico nel 1988, a soli trentatré anni, per aver contratto il virus dell'Aids. Dopo la sua scomparsa Martha Argerich, Mischa Maisky, Elisabeth Leonskaya, Gidon Kremer e tanti altri grandi musicisti dedicarono loro concerti in ricordo dell'amico Youri. Jan Brokken traccia di lui un affettuoso ritratto di uomo e d'artista, elogiandone le preziose qualità musicali e biasimando la vita molto dissoluta del giovane pianista russo che amava disperdere le sue migliori energie in un assurdo vortice di droghe, sesso, alcol e gioco d'azzardo: sempre alla ricerca di un irraggiungibile equilibrio psichico, tra gli infiniti tormenti e le continue afflizioni esistenziali che lo facevano assomigliare ad un malinconico principe rinascimentale, o meglio ancora nel suo caso, ad un personaggio di Dostoievskij. Un bel libro, un fascinoso romanzo psicologico, scorrevole e di eccellente scrittura che si presta a varie angolazioni di lettura tra le quali sono da segnalare le ampie digressioni sui maggiori poeti russi del Novecento, amati da Egorov, e le molto interessanti annotazioni sulla vita musicale e culturale di Amsterdam negli Anni Settanta e Ottanta. Euro 34,00

►NOVECENTO “Pianiste“ di Alessandro Baricco - cm.13x20 - IN FRANCESE - 96 pagine - Mille et une nuits - Paris, 1997Edizione francese di uno dei primi libri dello scrittore torinese Alessandro Baricco. In questo monologo scritto in origine per il teatro si racconta la storia immaginaria di “Novecento“, un fenomenale pianista-jazz (siamo nei “ruggenti“ Anni Venti e dintorni) nato e cresciuto a bordo di una nave dove poi trascorre la sua vita intera - Da queste pagine il regista Giuseppe Tornatore ha tratto il tema del suo film di grande successo “La leggenda del pianista sull’oceano“ - Euro 23,00

►SVIATOSLAV RICHTER "In VIAGGIO CON SVIATOSLAV RICHTER"  di
Valentina Tchemberdzij - cm.16x22 - IN ITALIANO - 160 pagine -  Nuove Edizioni - Milano, 1994 - Ormai molto rara ed introvabile edizione - Nell’estate del 1986 Sviatoslav Richter compie una lunghissima tournée attraverso tutta la Siberia che lo porterà da Mosca fino a Vladivostok, nell’estremo oriente della Russia, e poi in Giappone per altre serate musicali. Decine di concerti, di situazioni bizzarre, un viaggio segnato da eventi imprevedibili e sempre costellato da nuovi episodi. La storia di quelle settimane è fedelmente raccontata nel suo diario di viaggio da Valentina Tchemberdzij, la molto fortunata accompagnatrice del Maestro. Nel leggere queste pagine sembra di ascoltare la viva voce di Richter che, attraverso la rievocazione di tanti ricordi, parla di sè, delle  sue avventurose vicende esistenziali  e del proprio sconfinato amore per tutte le espressioni dell’arte e della cultura umana - Edizione ormai introvabile - Da non perdere - Euro 39,00

DANUBIO Una civiltà musicale - Volume terzo: "Slovacchia, Ungheria” a cura di Carlo De Incontrera e Alba Zanini - cm.16x23 - IN ITALIANO - 490 pagine - Teatro Comunale di Monfalcone - Trieste, 1993 - Questo molto fascinoso libro è stato pubblicato con gran merito dal Teatro Comunale di Monfalcone che, tra il 1991 e il 1994, aveva allestito quattro stagioni concertistiche sul tema del Danubio e delle culture musicali legate al percorso del grande fiume europeo - Anno dopo anno le stagioni avevano per centro ideale le varie comunità nazionali danubiane come la Germania, l’Austria, la Slovacchia, l’Ungheria, i paesi balcanici e la Romania. In ciascuna di quelle stagioni è stato pubblicato, in edizione molto limitata, un corposo volume legato al tema nel cartellone di quell’anno: questo è dedicato a Slovacchia e Ungheria. Vi sono raccolti saggi musicologici redatti da studiosi italiani e stranieri riguardanti le produzioni musicali slovacche e ungheresi, dall’alto Medioevo fino al Novecento. Ecco i nomi degli autori dei saggi: Carlo de Incontrera, Richard Rybaric, Luba Ballovà, Ludovit Rajter, Vladimir Cizik, Klemens, Schnorr, Benjamin Rajeczky, Kornel Bàrdos, Danilo Prefumo, György Galamb, Gianni Gori, Judith Frigyesi, Balint Sarosi, Andras Janosi, Pal Jardanyi, Gergely Jardanyi, Helga Szabò, Erno Lendvai, Paolo Petazzi, Marco Mazzolini. Riccamente illustrato da numerose fotografie e documenti storici - Euro 83,00

I “PÉCHÉS DE VIEILLESSE” DI GIOACHINO ROSSINI a cura di Massimo Fargnoli - cm.17x24 - IN ITALIANO - 270 pagine - Guida Editori - Napoli, 2015 - Testi di Massimo Fargnoli, Giovanna Ferrara, Alessandro Marangoni, Sergio Ragni, Piero Rattalino, Alberto Zedda, Bruno Canino - Nella Parigi tanto conforme alla sua natura, al suo gusto ed al suo sentire profondo, così come gli ritorna la voglia e la forza di vivere, Rossini sente rinascere il piacere del comporre, lontano dai palcoscenici teatrali, ma all’interno del suo palcoscenico privato, dinanzi ad un pubblico eletto e privilegiato di artisti, di appassionati, ma soprattutto di selezionati amici plaudenti. Nascono così, negli ultimi anni del Pesarese, i “Péchés de vieillesse” un fluire ininterrotto di brevi pezzi pianistici: pagine talvolta bizzarre, dai titoli pittoreschi ed accattivanti che spaziano da reminiscenze belcantistiche ad abili esercizi di stile compositivo, da spunti di malinconica liricità a sprazzi di bonario autolesionismo, da ricercate scelte timbrico-strumentali ad un pianismo apparentemente semplice, in sostanza molto più eccentrico e complesso di quanto non voglia sembrare nella dedica stilata dal compositore: «Aux pianistes de la 4me classe à la quelle j’ai l’honneur d’appartenir». Un microcosmo meraviglioso, ancora oggi tutto da scoprire e da assaporare nella sua incantevole semplicità e che molti pianisti dovrebbero inserire nel loro repertorio - Riccamente illustrato - Con ampia bibliografia ed il catalogo completo di questi piccoli capolavori - Euro 37,00

LES AUTRES SOIRS di Elisabeth Schwarzkopf - cm.14x22 - IN FRANCESE - 370 pagine - Éditions Tallandier - Paris, 2004 - È per noi una fortuna che la grande Schwarzkopf sia riuscita, negli ultimi anni, a raccogliere le sue memorie in questo bel volume, peraltro mai apparso in lingua italiana - Il soprano tedesco Elisabeth Schwarzkopf (1915-2006) ha rappresentato uno dei più ammirati vertici della vocalità femminile nella seconda metà del Novecento. Memorabili restano le sue interpretazioni mozartiane (Nozze, Flauto, Don Giovanni, Così fan tutte) e straussiane, come leggendaria Marescialla nel Rosenkavalier: il suo ruolo per eccellenza e che ha segnato tutta un’epoca - Caratteristiche peculiari della Schwarzkopf sono state l'intelligente uso della parola, l'incisività del fraseggio e l'attenta analisi psicologica ed intimistica dei suoi personaggi - Non meno importanti le lezioni di stile e di poesia in campo liederistico (Schubert, Schumann, Brahms, Strauss, Wolf, Mahler) di cui ci restano molte testimonianze discografiche - Numerose e splendide fotografie, concertografia - Ampia prefazione di André Tubeuf - Euro 60,00

►LA MIA VITA CON LA MUSICA di Wolfgang Sawallisch - cm.18x24 - IN ITALIANO - 294 pagine - Passigli Editori - Firenze, 1989 - Il bavarese Wolfgang Sawallisch (1923-2013) ha impersonato l’arte della direzione d’orchestra sulla scìa della grande tradizione tedesca: vero e proprio “Kapellmeister” nel senso più pieno ed antico del termine - Di lui si ricordano notevoli interepreatzioni straussiane, mozartiane e wagneriane fatte conoscere sia in Europa che in America. Pubblicato nel 1988 col titolo: “Im Interese der Deutlichkeit. Mein Leben mit der Musik” questo bel libro raccoglie tratti autobiografici, sovente illustrati da episodi tragici o divertenti che s’intrecciano con le riflessioni su temi scottanti della vita musicale sia di ieri che del nostro tempo - Con numerose fotografie - Euro 39,00

►UNA FAVOLA PER LA RAGIONE “Miti e storia nel Flauto Magico di Mozart” di Renato Musto e Ernesto Napolitano - cm.14x22 - IN ITALIANO - 184 pagine - Feltrinelli - Milano, 1982 - Evocazione fantastica, mito e favola popolare, rituale d’iniziazione a un ordine massonico, il “Flauto magico” riverbera in un irripetibile equilibrio di stili musicali e di idee originali le straordinarie speranze nate dalla Rivoluzione del 1789. Ecco i temi che guidano l’interessante ricerca degli autori e che dell’ultimo capolavoro mozartiano ci svelano la genesi, la sofferta creazione e l’immensa grandezza artistica, filosofica e morale - Euro 34,00

►MUSICA, SEMANTICA, SOCIETÀ di Henri Pousseur - cm.13x21 - IN ITALIANO - 140 pagine - Bompiani - Milano, 1974 - La poetica di Schoenberg, il problema dell’ordine della Nuova Musica, la crisi dell’arte in rapporto alla questione teologica della “morte di Dio”: ecco i tre temi centrali di questo libro. Ma più che i temi, a rendere queste pagine molto degne d’interesse, sta la figura dell’autore, una delle personalità più combattive della generazione post-weberniana, uno dei protagonisti della musica contemporanea che, accanto a Berio, Stockhausen, Maderna e Boulez, ha alimentato la ricchezza creativa di quella grande stagione sperimentale fiorita in Europa tra gli anni Cinquanta e Settanta. La notevole statura intellettuale del belga Henri Pousseur (1929-2009) emerse ai “Ferienkurse”, i mitici corsi estivi di Darmstadt, e ha poi segnato in prima persona il percorso della Nuova Musica per lungo tempo. Oltre alle attività compositive e pedagogiche Pousseur ha pubblicato numerosi libri sulla musica, tra i quali vanno citati almeno “Fragments sur la musique expérimentale”, “Musiques croisées”, oltre al presente saggio pubblicato in origine a Liegi nel 1972 col titolo “Musique, sémantique, société” - Euro 38,00

ZUBIN MEHTA “La partitura della mia vita“ di Zubin Mehta - cm.14x20 - IN ITALIANO - 360 pagine - Excelsior - Milano, 2007 - Il celebre direttore d’orchestra Zubin Mehta (classe 1936) racconta la sua vita personale ed artistica, dalle prime esperienze nella natìa India fino ai meritatissimi successi internazionali che lo hanno visto guidare, per anni ed anni, le più importanti orchestre del mondo - Il libro è una vera miniera di storie e di gustosi aneddoti che vedono come protagonisti molti ben noti strumentisti e cantanti - Negli ultimi decenni Mehta ha avuto stretti legami artistici con l’Italia e specialmente con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino - Euro 29,00

CHI È GIACOMO LAURI-VOLPI di Andrea Gustarelli - cm.12x19 - IN ITALIANO - 72 pagine - Edizioni "L'Attuale" - Milano, 1931 - Rarissima ed assolutamente introvabile edizione, probabilmente il primo libro mai dedicato al mitico tenore romano Giacomo Lauri-Volpi (1892-1979) - Il volume è stato pubblicato nel 1931, quando Lauri-Volpi aveva 39 anni e quindi si trovava ancora nei primi anni della sua lunghissima carriera che era iniziata a Viterbo nel 1919 - Quando questo libro uscì il grande tenore aveva già bruciato le prime tappe di una folgorante carriera, già al suo attivo erano stati gli esordi alla Scala di Milano con Arturo Toscanini, al Metropolitan di New York ed in vari e importanti teatri del Sud America. Nel suo vasto repertorio operistico spiccava il ruolo di Manrico nel verdiano "Il Trovatore" (da lui cantato per l'ultima volta nel 1959) che fece del suo nome una vera e propria leggenda - Fu ufficiale sul fronte della Grande Guerra. Non aderì al fascismo che gli preferì il nome di Beniamino Gigli come tenore ufficiale del regime - Il volume è suddiviso in tre principali capitoli: "Dalla triste infanzia alla fiduciosa adolescenza", "Il combattente: dal Podgora al Piave", "L'artista, dal Teatro di Viterbo al Metropolitan e alla Scala di Milano" - Con 16 belle e molto rare fotografie degli Anni Venti stampate su carta patinata - Il volume è di chiaro carattere agiografico - L'autore, Andrea Gustarelli, fu famoso in quegli anni per i suoi numerosi libri sui maggiori nomi della letteratura italiana, da Dante a Petrarca, da Foscolo a Manzoni - Euro 149,00

►SCATOLA SONORA di Alberto Savinio - cm.16x21 - IN ITALIANO - 598 pagine - Il Saggiatore - Milano, 2017 - “Scatola sonora” raccoglie gli scritti musicali di Savinio composti tra gli Anni Venti ed il secondo dopoguerra: pennellate rapide e luminescenti che danno vita ad un quadro lucido, profondo, sagace, dirompente, corrosivo, polemico, ispirato e insostituibile di “quel miracoloso prolungamento dell’infanzia” che per Savinio è l’esperienza artistica - Alberto Savinio (1891-1952) era fratello del celebre pittore Giorgio de Chirico e fu famoso nei suoi anni come notevole pittore egli stesso, musicista e compositore (allievo a Monaco di Max Reger), regista teatrale, drammaturgo, critico musicale e soprattutto scrittore di rara raffinatezza stilistica - È questa la recente riedizione di uno dei più importanti testi di tutta la nostra letteratura musicale - Euro 47,00

►LUIGI DALLAPICCOLA “Ricercare": parole, musica e immagini dalla vita e dall’opera di Luigi Dallapiccola” a cura di Mila De Santis - cm.22x28 - IN ITALIANO - 125 pagine - Polistampa - Firenze, 2005 - Ormai introvabile catalogo della splendida mostra dedicata a Luigi Dallapiccola (1904-1975) e allestita a Firenze presso la Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti nel 2005 - Introdotto da testi di Edoardo Speranza, Carlo Sisi, Fiamma Nicolodi e della stessa Mila De Santis, il libro contiene le riproduzioni dei numerosi documenti in gran parte a colori (lettere, fotografie, partiture, dipinti, sculture) che componevano la mostra - Viene qui ripercorsa attraverso le immagini tutta la vita di Luigi Dallapiccola dall’infanzia a Pisino d’Istria alle frequentazioni e agli studi fiorentini, dagli esordi giovanili alla ribalta internazionale come compositore fra i più importanti del suo tempo, attraverso le leggi razziali, le tragiche rovine della guerra e le infinite difficoltà della sua vita - Molto pregevole qualità di stampa e rilegatura d’arte - Euro 64,00

WOLFGANG AMADEUS MOZART di Saul Bellow - cm.12x18 - IN ITALIANO - 40 pagine - Mondadori - Milano, 1993 - Traduzione integrale della conferenza tenuta da Saul Bellow al Teatro Verdi di Firenze il 5 dicembre 1991 nel giorno stesso del bicentenario della morte di Mozart - Saul Bellow (1915-2005) è stato uno dei maggiori narratori americani del Novecento e nel 1976 ha ricevuto il “Premio Nobel per la Letteratura“ - Euro 33,00

►FASE SECONDA “Studi sulla Nuova Musica” di Mario Bortolotto - cm.16x21 - IN ITALIANO - 298 pagine - Einaudi - Torino, 1969 - Ormai molto rara prima edizione del più famoso libro dell’autorevole musicologo Mario Bortolotto (1927-2017) la cui pubblicazione lo collocò di diritto tra i massimi studiosi delle neoavanguardie postweberniane - L’autore ci accompagna in un viaggio erudito attraverso l’avventura della musica contemporanea tra gli Anni Cinquanta e Sessanta, come in un vero e grande affresco storico dove troviamo, spiegate ed analizzate con minuziosa profondità, le figure umane e le composizioni di Boulez, Nono, Berio, Castiglioni, Evangelisti, Maderna, Bussotti, Donatoni e di tanti altri noti, e meno noti, pionieri della Nuova Musica nel secondo dopoguerra - Euro 68,00

►L’ARTE DEL PIANOFORTE “Tecnica, Cultura, Estetica, Spiritualità. Note di un professore” di Heinrich Neuhaus - cm.12x20 - IN ITALIANO - 378 pagine - Sellerio - Palermo, 2017 - Doverosa e recente ristampa di un irrinunciabile testo sacro sull’interpretazione pianistica e sulla letteratura dello strumento - Questo importantissimo volume era stato pubblicato in italiano per la prima volta nel 1987 (Rusconi) ed in breve tempo divenuto introvabile - Come molti sanno, Heinrich Neuhaus (1888-1964) è stato un eminente pianista e docente al conservatorio di Mosca: Sviatoslav Richter, Emil Gilels, Radu Lupu, Jakov Zak fra i suoi allievi - In questo prezioso volume l’autore ha raccolto l’essenziale della sua esperienza didattica cresciuta alla luce delle sue profonde convinzioni sulle virtù morali che ogni vero musicista deve maturare e possedere per raggiungere la piena bellezza dell’arte - Curatore del volume ed autore dell’interessante prefazione è il pianista russo, ma da molto tempo naturalizzato romano, Valerij Voskobojnikov che di Neuhaus era stato allievo a Mosca nei primi Anni Sessanta - Euro 36,00

►RISM “Manuscrits de Musique Poliphonique XVe et XVIe Siècles - ITALIE” - Catalogue par Nanie Bridgman - cm. 17x25 - IN FRANCESE - 682 pagine - G. Henle Verlag - München, 1991 - Il ben conosciuto acronimo RISM sta per “Répertoire International des Sources Musicales” - Molto corposa edizione, pubblicata in vari volumi (uno per ciascuna nazione) dalla Henle Verlag di Monaco per conto della “Société Internationale de Musicologie et l’Association Internationale des Bibliothèques, Archives et Centres de Documentation Musicaux”. Il volume che deve essere costato all’autrice anni ed anni di lavoro e di infiniti viaggi attraverso l’Italia intera, raccoglie tutte le indicazioni utili e le necessarie schede per risalire alla localizzazione dei documenti manoscritti originali relativi alla Musica Polifonica del 15° e 16° secolo che sono conservati in tutti gli archivi pubblici ed in tutte le biblioteche italiane. Archivi e biblioteche appaiono qui in ordine alfabetico per città. Per facilitare le ricerche in appendice è pubblicato un indice degli autori, quando conosciuti, e di tutti gli “Incipit” letterari delle musiche catalogate - Rilegatura d’arte - Un vero Unicum - Euro 127,00

►VIAGGIO MUSICALE IN ITALIA di Charles Burney - cm.16x23 - IN ITALIANO - 398 pagine - EDT - Torino, 1979 - Il richiamo del “Grand Tour” attraverso la nostra penisola contagiò anche il musicista inglese Charles Burney (1726-1814) che viaggiò lungamente in Italia nel 1770 alla ricerca di documenti e di materiale di prima mano per completare la sua monumentale “General History of Music”. Il libro rappresenta il diario di quel viaggio, le cui pagine vive e scintillanti raccontano, in una miriade di affascinanti dettagli, emozioni vissute, personaggi incontrati, luoghi, palazzi, spettacoli, gallerie d’arte, conventi, biblioteche, cronache di vita quotidiana, avventure e scoperte senza fine, non sempre legate ad argomenti musicali - Prefazione di Enrico Fubini che è anche il curatore del volume - Euro 48,00

 ENRICO CARUSO di Stanley Jackson - cm.17x24 - IN INGLESE - 304 pagine - Stein and Day - New York, 1972 - È comprensibile che molte delle biografie di Caruso siano americane, essendo il mitico tenore stato legato alle stagioni musicali di quel paese più che altrove - In questo libro Stanley Jackson ci svela sconosciuti aspetti della vita privata e sentimentale del cantante, specie legati a New York ed alle stagioni del Met rese leggendarie da tutto quel ricco contorno di sfavillanti stelle della lirica che vi regnavano, ovviamente assieme a Caruso, negli anni d’inizio secolo - Con varie e belle fotografie a tutta pagina - Euro 35,00

CÉSAR FRANCK di Alfred Colling - cm.15x21 - IN ITALIANO - 210 pagine - Nuova Accademia Editrice - Milano, 1963 - Probabilmente l’unico libro in lingua italiana mai dedicato alla vita ed alle opere del celebre organista e compositore César Franck (1822-1890) - Nato a Liegi in Belgio ma presto naturalizzato parigino, Franck ha rappresentato una delle figure centrali della musica francese nella seconda parte del XIX secolo - Oltre ad una notevole quantità di musiche organistiche, ci ha lasciato capolavori assoluti come la celebre “Sinfonia un re min.”, la “Sonata per violino e pianoforte in La magg.” e immortali pagine pianistiche come le “Variazioni sinfoniche” ed il “Preludio, Corale e Fuga” da sempre nel repertorio dei più grandi virtuosi della tastiera - Titolo originale: “César Franck, ou le concert spirituel” - Euro 44,00

IL SUONO VIRTUALE “Sintesi ed elaborazione del suono” di Riccardo Bianchini e Alessandro Cipriani - cm.20x24 - IN ITALIANO - 610 pagine - Contempo - Roma, 2001 - Un molto corposo manuale che introduce e poi guida gradualmente il lettore alla scoperta, sperimentazione e creazione, con i metodi informatici della “Computer Music”, per scrivere e generare partiture col linguaggio “Csound” - E’ questo il primo libro completo in italiano sulla sintesi e l’elaborazione computerizzata del suono, opera di due importanti autori come Riccardo Bianchini (1946-2003), compositore, saggista, per lunghi anni professore di musica elettronica al conservatorio romano di Santa Cecilia, e di Alessandro Cipriani, compositore, didatta e autore di colonne sonore, nato nel 1959 - Euro 49,00

METAFISICA DEL SILENZIO “John Cage, l’Oriente e la Nuova Musica” di Michele Porzio - cm.17x24 - IN ITALIANO - 274 pagine - Auditorium Edizioni - Milano, 1995 - La prima monografia organica su John Cage (1912-1992) che unisce all’indagine sulle opere quella sui temi filosofici della sua poetica. Il libro rappresenta anche un viaggio iniziatico in cui Michele Porzio delinea il rapporto Arte-Conoscenza nei quattro aspetti essenziali per la riflessione estetica sulla musica d’oggi: Natura, Sogno, Silenzio, Tempo. Con ampia bibliografia e catalogo delle opere - Euro 47,00

MADE IN ITALY di Igor Markevitch - cm.16x21 - IN ITALIANO - 202 pagine - Einaudi - Torino, 1948 - Igor Markevitch (1912-1983) è stato uno dei maggiori direttori d’orchestra del Novecento. Nato a Kiev, da nobile famiglia, si trasferisce presto a Parigi dove studia pianoforte con Alfred Cortot e armonia con Nadia Boulanger. Seguirà poi i corsi di direzione d’orchestra di Hermann Scherchen e di Pierre Monteux.
Appena diciottenne è già sul podio della London Philharmonic e dell’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam iniziando così un’intensa e molto ammirata attività direttoriale. Anche come compositore si fa presto conoscere ad altissimo livello con un Concerto per pianoforte, commissionatogli da Serghei Diaghilev, e con il geniale balletto “L’envol d’Icare“ dedicato a Serge Lifar, per i quali riceve addirittura gli elogi di Béla Bartók, di Darius Milhaud e di Igor Stravinski. Un’altra sua composizione di successo dello stesso periodo è “Cantate“ su testi espressamente scritti per lui da Jean Cocteau.
Nel 1936 sposa Kyra, figlia del celebre danzatore e coreografo russo Vaslav Nijinsky. La sua carriera lo porta poi a Firenze, nel 1940, dove trascorrerà ben sette lunghi anni.

E qui iniziano le storie raccontate nel libro.
Sono gli anni della sua stretta amicizia col compositore istriano Luigi Dallapiccola e con altri illustri “toscani“ d’adozione come il pianista russo Nikita Magaloff e lo storico dell’arte americano Bernard Berenson, gli anni in cui la città di Dante viene tragicamente martoriata dalla guerra e dall’occupazione nazista, gli anni della Resistenza fiorentina alla quale Igor Markevitch prende parte attiva unendosi ai partigiani di Rifredi comandati dal leggendario Sandro Sinigaglia.
In quegli stessi mesi Markevitch scrive le parole e la Igor Markevitchmusica di un inno che verrà spesso cantato dalle brigate partigiane della Toscana e ospita nella sua casa di Corbignano, con grave rischio per la propria vita, la redazione di un giornale clandestino.
Dopo l’arrivo degli Alleati (agosto 1944) Igor Markevitch dedica tutte le sue energie, assieme all’amico Vittorio Gui, alla ricostruzione dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e in breve tempo la riporterà a livelli di assoluta eccellenza.
Scritto in Svizzera nel 1946, il libro esce quasi subito con questo stesso titolo a Losanna, Parigi, Londra, New York e l’autore, rivolgendosi ai lettori di lingua francese e inglese, disegna un “come eravamo“ di quegli anni lontani, tracciando un affettuoso ritratto di noi italiani, descrivendoci con vera acutezza e gratitudine nelle nostre virtù, nei nostri limiti, nella nostra umanità, parlando con competenza della storia italiana, antica e recente, e delle nostre tradizioni popolari, specie quelle contadine.
È un’Italia che ha appena voltato pagina, quella raccontata da Markevitch. Un’Italia che con le sue recenti istituzioni democratiche vuole guardare con fiducia alla nuova Europa che sta uscendo dalle rovine morali e materiali della guerra.
Questa prima, ed unica, edizione italiana fu pubblicata nel 1948 nella mitica collana “Saggi Einaudi“ con la copertina color crema e dorso arancione. Traduzione dal francese di Natalia Ginzburg, redazione editoriale di Cesare Pavese - Rarissimo ed introvabile esemplare - Euro 189,00

Ultimo aggiornamento 28 Settembre 2020