La vetrina delle nostre Offerte Speciali (1)
Per cercare qualsiasi parola all'interno di questa pagina, premere CTRL+F e quindi inserire il nome desiderato nella finestrella che appare in alto a destra sullo schermo, oppure in basso a sinistra.

 

Il simbolo ► indica titoli di
recente inseriti nell'elenco.

 

 

Il grandissimo direttore d'orchestra Bruno Walter (1876-1962) è tra i principali argomenti di questa pagina speciale del sito.
Qui di seguito è infatti presentata la sua ormai molto rara e vasta biografia in tre corposi volumi scritti dal musicologo milanese Michele Selvini e pubblicati a Lugano tra in 1999 ed il 2001.
L'opera comprende varie centinaia di rarissime fotografie e preziosi documenti storici.
Prefazioni di Yehudi Menuhin e Carlo Maria Giulini.

 

 

---------------------------   3 CD  ---------------------------

 

 

Walter Gieseking

&

Herbert von Karajan

Registrazioni complete (1951-1953)

La raccolta completa di tutte le incisioni della Columbia inglese (1951-1953) realizzate dal grande pianista tedesco Walter Gieseking con il giovane direttore Herbert von Karajan e l’Orchestra Philharmonia di Londra.
Questi documenti restano ancora oggi tra le più preziose pietre miliari nella storia del disco. Rarissima ed introvabile edizione.

 

URANIA URN.22.363 
WALTER GIESEKING & HERBERT VON KARAJAN
“The Complete Columbia Recordings” 
Mozart: Concerto n.23 K.488 (1951), Concerto n.24 K.491 (1953). Beethoven: Concerto n.4 op.58 (1951), Concerto n.5 op.73 “Imperatore” (1951). Schumann: Concerto op.54 (1953). Grieg: Concerto op.16 (1951). Franck: Variazioni sinfoniche (1951). + Mozart: Fantasia K.475 (1953) [pianista, Walter Gieseking] Philharmonia Orchestra, Herbert von Karajan  3 CD: Euro 60,00

 

-----------------------   LIBRO + 1 CD  -----------------------

 

La storia di Bruno Walter

Vita, storia e carriera di uno dei più importanti direttori d'orchestra del Novecento. 
Un'eccezionale ed assolutamente introvabile opera editoriale in tre molto corposi e lussuosi volumi, in grande formato e carta patinata, comprendenti oltre 1300 pagine complessive ed oltre 1000 rarissime fotografie storiche. Con due CD allegati.
Prefazioni di Lord Yehudi Menuhin e Carlo Maria Giulini.

 

BRUNO WALTER “La Porta dell’Eternità“ di Michele Selvini - cm.21x28 - IN ITALIANO - 436 pagine - Fondazione culturale della collina d’oro - Lugano, 1999

Realizzata dall’indimenticabile musicologo milanese Michele Selvini. L’opera, in tre corposi volumi, si segnala per l’estrema accuratezza della veste editoriale e la vastità del materiale che vi è raccolto per documentare minuziosamente la vita e la carriera di uno dei massimi direttori d’orchestra di tutti i tempi: non si contano le riproduzioni di lettere autografe, di programmi di sala e di manifesti. I volumi, stampati su carta patinata in grande ed elegante formato, sono complessivamente corredati da oltre 2500 splendide fotografie in bianco e nero ed a colori. Quest’opera gigantesca comprende in totale ben 1316 pagine. Ai libri sono allegati due CD (Vol. 1 & Vol.3) con rare registrazioni di Bruno Walter. Questo primo volume si apre con le interessanti ed appassionate prefazioni di Lord Yehudi Menuhin e di Carlo Maria Giulini. Il terzo volume contiene la discografia completa del grande direttore.
Volume primo  
La vita di Bruno Walter al 1876 al 1932
La vita e la carriera di Bruno Walter dall’infanzia a Berlino, quando ancora il musicista portava il nome di Bruno Schlesinger, fino alle soglie dei cinquant’anni. Questo primo volume ripercorre le tappe di una gavetta direttoriale che conduce il Nostro a Colonia, a Breslavia (dove assume il definitivo nome d’arte), a Bratislava, a Riga. Particolare evidenza viene dedicata all’incontro ad Amburgo fra il giovane musicista berlinese e Gustav Mahler, il compositore-direttore destinato a diventare idolo e modello di tutta la sua vita. Dopo varie stagioni nella città natìa, dal 1901 Walter lavora all’Opera di Vienna a fianco di Mahler, cimentandosi anche nell’attività compositiva. Spentosi Mahler, Walter lascia l’Austria e, dal 1912 al 1921, diventa Generalmusikdirektor della Baviera, regalando a Monaco stagioni operistiche e sinfoniche entrate nella leggenda (première della “Nona Sinfonia” di Mahler, di “Das Lied von der Erde” e di “Palestrina” di Pfitzner). Agli inizi del 1933 Adolf Hitler sale al potere e per l’ebreo Bruno Walter si aprono le porte di un esilio senza ritorno.  
Con un CD allegato Weber: Freischütz, Ouverture  Orchestre de la Société des Concerts du Conservatoire de Paris (Parigi, 1938). Mozart: Concerto per pianoforte n.20 K.466  [Bruno Walter, direttore e pianista]  Wiener Philharmoniker (Vienna, 1937). Wagner: dal “Parsifal” Preludio atto 1°, Musica del Cambio di Scena, Il Giardino magico di Klingsor Royal Philharmonic Orchestra (Londra, 1925-1927).
Libro + 1 CD: Euro 82,00

 

-----------------------   LIBRO  ----------------------- 

 

BRUNO WALTER “La Porta dell’Eternità“ di Michele Selvini - cm.21x28 - IN ITALIANO - 452 pagine - Fondazione culturale della collina d’oro - Lugano, 2000
Volume secondo  
La vita di Bruno Walter dal 1933 al 1939
I convulsi anni fra l’avvento del nazismo e lo scoppio della guerra vedono Walter lavorare al di fuori della Germania per ricostruirsi una posizione. Sono gli anni delle grandi tournées concertistiche negli Stati Uniti, dei cicli d’incisioni a 78 giri con la Filarmonica di Vienna e dell’inizio dell’attività come saggista (nel 1936 esce a Vienna il suo famoso volume su Mahler). Idolo dal 1925 del pubblico internazionale che si dà appuntamento ogni estate al Festival di Salisburgo, Walter si associa nel 1935 ad Arturo Toscanini. Per tre estati consecutive i due musicisti firmano a Salisburgo produzioni che figurano ancora oggi nell’albo d’oro del teatro d’opera. Nel 1938, al momento dell’Anschluss, Walter si trova ad Amsterdam per un ciclo di concerti con il Concertgebouw e si salva casualmente dall’arresto e dalla deportazione. Riparato in Svizzera e assunta la nazionalità francese, dà vita con Toscanini, con i fratelli Busch e con altri antifascisti, alle Settimane Internazionali di Musica di Lucerna, manifestazione che testimonia la volontà delle maggiori personalità della musica europea di mantenersi libere dalla dittatura. Nell’estate del 1939, mentre si prepara a dirigere a Lucerna la Sinfonia “Resurrezione” di Mahler, la figlia minore Gretel viene brutalmente assassinata. Dopo le esequie di Gretel la guerra divampa in tutt’Europa e Bruno Walter s’imbarca per gli Stati Uniti 
Euro 82,00

 

-----------------------   LIBRO + 1 CD  -----------------------

 

BRUNO WALTER “La Porta dell’Eternità“ di Michele Selvini - cm.21x28 - IN ITALIANO - 428 pagine - Fondazione culturale della collina d’oro - Lugano, 2001 Volume Terzo 
La vita di Bruno Walter dal 1939 al 1962 
Approdato in California nell’autunno del 1939, a differenza di molti illustri compagni d’esilio (i fratelli Mann, Arnold Schoenberg, Alma Mahler e suo marito Franz Werfel) l’ormai ultrasessantenne Bruno Walter si rende conto che il suo viaggio è senza ritorno. Quando gli USA entrano in guerra dopo Pearl Harbour (1941), dirige concerti patriottici a beneficio delle forze armate americane e nel 1946 assume la cittadinanza statunitense. Gli anni del conflitto lo vedono debuttare al Metropolitan con una serie di produzioni che, spaziando da Beethoven a Smetana, da Mozart a Verdi, dimostrano il suo intatto vigore artistico. I periodici e brevi rientri in Europa nel dopoguerra lo vedono contribuire alla rinascita della vita musicale del Vecchio Continente e gli consentono di avviare nuovi sodalizi artistici come quello con il giovane contralto britannico Kathleen Ferrier. Figura ‘alta’ e priva di macchie politiche, Walter è il grande protagonista di tutti i più solenni anniversari del dopoguerra, dal Bicentenario mozartiano del 1956 al Centenario mahleriano del 1960. A partire dagli anni Cinquanta, con l’avvento del Long Playing, l’interesse dell’80enne musicista si rivolge quasi per intero all’attività discografica. Dedicate esclusivamente al grande repertorio, le incisioni di Bruno Walter intendono preservare la tradizione interpretativa dei Wagner, dei Bülow, dei Mahler e dei Nikisch. Quando Walter si spegne a Beverly Hills, nel febbraio del 1962, per la giovane generazione dei melomani egli è l’ammirato maestro cui tutti sono debitori del primo approccio al meraviglioso universo della grande musica. 
Con un CD allegato Mozart: Quattro Arie d’Opera e da Concerto [con Lily Pons]  Orch. Metropolitan (New York, 1942). Mozart: Sei Arie d’Opera e da Concerto [con Ezio Pinza] Orch. Metropolitan (New York, 1946-47). Brahms: Ouverture accademica op.80  New York Philharmonic-Symphony Orchestra (New York, 1951).  Mahler: Kindertotenlieder [con Kathleen Ferrier]  Wiener Philharmoniker (Londra, 1949).
Libro + 1 CD: Euro 82,00

-----------------------   3 CD  -----------------------

 

Il pianista Alfredo Casella 

Un rarissimo cofanetto da tre CD che raccolgono tutte le incisioni esistenti del compositore torinese Alfredo Casella in veste di raffinato pianista.
Le registrazioni, effettuate tra il 1922 ed il 1936, sono state publicate alla fine degli Anni Novanta dall'ormai scomparsa etichetta "Fonoteca", a cura del collezionista romano Antonio Latanza.
Rimasterizzazioni di eccellete qualità tecnica. Libretto di 36 pagine, in italiano e in inglese, con rare foto e documenti. Copie limitate disponibili.

 

Il grande musicista torinese Alfredo Casella in un famoso ritratto a olio (1926) del pittore novarese Felice Casorati, al quale il compositore e pianista fu per lunghi anni legato da una strettissima amicizia. 

 

Alfredo Casella, nato a Torino nel 1883 e scomparso a Roma nel 1947, non era stato soltanto il grande autore che ha segnato in profondità uno dei periodi più gloriosi della musica italiana.
Avendo avuto la fortunata occasione di perfezionare il suo talento a Parigi, nei primi anni del Novecento, con dei luminari come Louis Diémer e Gabriel Fauré, Casella divenne in seguito uno dei più conosciuti ed apprezzati pianisti della sua generazione.

Questo importante cofanetto da tre CD, edito dalla molto pregevole ed ormai scomparsa etichetta romana “Fonoteca”, raccoglie registrazioni in origine effettuate su rulli per autopiano (Welte & Duo-Art) e rarissime incisioni 78 giri realizzate a Londra, a Milano ed a Boston negli anni Trenta.
Fra queste abbiamo, per nostra fortuna, un buon numero di interpretazioni del leggendario “Trio Italiano”, il complesso cameristico nato nel 1929 e formato da Alfredo Casella, al pianoforte, dal violinista Alberto Poltronieri e dal violoncellista Arturo Bonucci: un ensemble strumentale che in quell’epoca raggiunse vastissima notorietà a livello mondiale.
Tra gli strepitosi documenti di questa importante raccolta sono da segnalare la trascrizione respighiana di "Fontane di Roma" eseguita al pianoforte, a quattro mani, da Alfredo Casella con lo stesso Ottorino Respighi, ed inoltre il poco conosciuto "Concerto Triplo" di Casella in una rarissima registrazione dal vivo (1936) del "Trio Italiano" con la Boston Symphony Orchestra diretta dal leggendario Serghei Koussevitzky. Nel terzo CD è anche contenuta una singolare testimonianza della viva voce dello stesso Casella, in una registrazione berlinese del 1933.

Rimasterizzazioni accuratissime e di elevato livello tecnologico. Libretto di 36 pagine (italiano & inglese) con molte rare foto ed interessanti  documenti storici.

Le poche copie rimaste disponibili di questa preziosa edizione fuori catalogo, e qui presentata in esclusiva, sono ovviamente sigillate all’origine e non sono assolutamente reperibili altrove.

Alfredo Casella e Ottorino Respighi suonano a quattro mani la trascrizione pianistica di "Fontane di Roma" la cui splendida registrazione fa parte di questa raccolta.

CD 1
GRANADOS
Danza spagnola n.11     1927
Alfredo Casella, piano

RESPIGHI
Le fontane di Roma        1927
Alfredo Casella Ottorino Respighi pianoforte a quattro mani     1927  

ALBENIZ
Evocación da “Iberia”       1927
Alfredo Casella, piano

DEBUSSY
Preludio n.6, Libro secondo “Général Lavine-Eccentric”    1926
Alfredo Casella, piano

CASELLA
Inezie op.32  “Preludio, Serenata, Berceuse”   1926
Alfredo Casella, piano

CASELLA
11 Pezzi infantili op.35    1926
Alfredo Casella, piano

CASELLA
Pupazzetti op.27      1923
Alfredo Casella, piano

CASELLA
Barcarola op.15     1926
Alfredo Casella, piano

CASELLA
Berceuse triste op.14      1922
Alfredo Casella, piano

BEETHOVEN
Trio op.70 n.1      1931
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

CD 2
CASELLA
Concerto op.56 per pianoforte, violino e violoncello     1936
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

Boston Symphony Orchestra
Serghei Koussevitzky  

CASELLA
Siciliana e Burlesca op.23/bis      1931
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

BLOCH
Quintetto per pianoforte e archi        1933
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

con membri del “Quartetto Pro Arte”

CD 3
BACH
Sonata a tre, da “L’Offerta Musicale”     1936
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

SCHUBERT
Sonata in Si bem. magg. per pianoforte, violino e violoncello     1934
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

BRAHMS
Trio n.2 op.87         1932
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

ROY HARRIS
Trio per pianoforte, violino e violoncello            1934
Alfredo Casella, piano
Alberto Poltronieri, violino
Arturo Bonucci, violoncello

La voce di Alfredo Casella        Berlino, Hochschule für Müsik, 1933

 

“The Complete Casella Pianist”
Rimasterizzazioni di eccellente qualità tecnica
Rarissima edizione, introvabile altrove.
FONOTECA  #  FT.97.11.03
Cofanetto da 3 CD  
Euro 62,00

 

Da sinistra: Gian Francesco Malipiero, Manuel de Falla e Alfredo Casella a Venezia nel 1933.
Ultimo aggiornamento 21 Luglio 2020